Il trapianto di capelli è il modo in cui coloro che soffrono di perdita di capelli e calvizie a causa di una predisposizione genetica o di fattori ambientali possono riacquistare la loro capigliatura con metodi naturali e permanenti. Grazie alle procedure di trapianto di capelli, la persona può riacquistare in modo semplice e naturale il suo vecchio aspetto. Con lo sviluppo della tecnologia, oggi si applicano metodi di trapianto di capelli di grande successo. I metodi applicati vengono modificati in base alla struttura dei capelli e del viso della persona, alle preferenze personali e alla struttura della pelle dell’area calva. Indipendentemente dal metodo utilizzato oggi, gli interventi di trapianto di capelli hanno un successo del 99%. A questo punto, è molto importante scegliere lo specialista e la clinica giusti per ottenere il risultato più naturale e permanente. Grazie all’esperto e al suo team, è possibile avere capelli in modo permanente senza alcun rischio. Grazie alla giusta selezione degli specialisti, il tasso di successo del trapianto di capelli sarà elevato, per cui non sarà necessario un secondo intervento.

A chi si applica il trapianto di capelli?

Le condizioni necessarie per l’esecuzione dell’intervento di trapianto di capelli sono;

Cause della caduta dei capelli?

Una delle cause più importanti della caduta dei capelli è la predisposizione genetica e le ragioni ereditarie. Se le persone hanno una storia familiare di calvizie, questa può causare la perdita di capelli. Oltre ai fattori genetici, i fattori ambientali sono tra le cause più importanti della caduta dei capelli. Una dieta poco sana, lo stress, la tristezza, l’inquinamento atmosferico, l’uso di prodotti per capelli sbagliati, interventi frequenti sono tra i fattori ambientali. I farmaci utilizzati per le malattie croniche possono causare la caduta dei capelli. Nelle donne, i cambiamenti ormonali dovuti al parto e alla menopausa causano la caduta dei capelli. Inoltre, a seguito di incidenti, si verificano lesioni e perdita di capelli a livello regionale.

Quali sono i metodi utilizzati nel trapianto di capelli?

Le operazioni di trapianto di capelli, iniziate in via sperimentale negli anni ’30, hanno oggi un successo del 99% grazie ad applicazioni avanzate. Grazie allo sviluppo della tecnologia e alle innovazioni mediche, vengono eseguiti diversi metodi di trapianto di capelli utilizzando diverse apparecchiature. I metodi di trapianto di capelli applicati sono determinati in base alle esigenze della persona. Prima dell’intervento di trapianto di capelli, durante la prima visita, si esamina la struttura dei capelli e della testa della persona e si determina il metodo da applicare nel trapianto di capelli in base al tipo di viso, alla struttura degli altri capelli, alla dimensione dell’area calva e al cuoio capelluto. In primo luogo, si è iniziato ad applicare il metodo FUT. In questo metodo, la struttura pelosa viene prelevata dall’area donatrice sotto forma di striscia e collocata nell’area da trapiantare. Tuttavia, questo metodo non è più preferito a causa del fatto che rimane una cicatrice orizzontale. Il metodo FUE, che ha iniziato ad essere applicato successivamente, è uno dei metodi più comuni. In questo metodo, l’area donatrice è solitamente determinata come l’area della nuca resistente alle fuoriuscite. I semi dei follicoli piliferi vengono raccolti dall’area donatrice con speciali strumenti medici. I semi raccolti vengono inseriti nei canali aperti nell’area da trapiantare e il processo è completato. Nel metodo di trapianto di capelli DHI, che è uno dei metodi più preferiti negli ultimi tempi, si esegue un intervento di trapianto di capelli completamente rasati o parzialmente rasati. A differenza del metodo FUE, il trapianto di capelli DHI non prevede un processo di scanalatura, che è preferito dalle donne soprattutto per l’assenza di rasatura. Con questo metodo, i semi dei follicoli piliferi raccolti con una speciale penna medica vengono trasferiti direttamente nella zona calva senza aprire il canale. Oltre a questi metodi, tra i metodi applicati vi sono la FUE zaffiro, la FUE ghiaccio, il trapianto di capelli non rasati e il trapianto di capelli nel sonno.

Come si determina l’attaccatura dei capelli per il trapianto?

L’attaccatura dei capelli conferisce un aspetto personale. In alcune persone questa struttura anatomica è arretrata, mentre in altre l’attaccatura dei capelli è più vicina alla zona della fronte. Il punto più importante dell’intervento di trapianto di capelli è la corretta determinazione dell’attaccatura, in modo che il processo di trapianto risulti naturale. Il tipo di viso della persona, lo stato dei capelli prima della caduta, la struttura dei capelli, la posizione dei muscoli della fronte, l’aspetto della pelle calva sono i punti più importanti per determinare la linea di trapianto di capelli.

Perdita di capelli dopo il trapianto

Dopo l’operazione di trapianto di capelli, i semi dei follicoli piliferi piantati iniziano a sparire nel giro di poche settimane. Queste fuoriuscite continuano in 3-4 mesi. Si tratta del cosiddetto shock shedding. Queste fuoriuscite sono normalissime, non lasciatevi preoccupare. Nell’arco di 4-6 mesi, i capelli eliminati iniziano a ricrescere. Dopo 12-18 mesi si ottiene un aspetto permanente.

Quali sono i rischi dell’operazione di trapianto di capelli?

Come tutti gli interventi medici, anche il trapianto di capelli comporta dei rischi. Tuttavia, il rischio non è così elevato come in altre transazioni. Se l’intervento di trapianto di capelli viene eseguito da un medico e da un’équipe specializzati, il tasso di rischio è molto basso. Tuttavia, esiste un rischio di infezione nelle procedure eseguite da un medico non specialista e in un ambiente ospedaliero o clinico. Poiché il trapianto di capelli viene eseguito mediante l’apertura di canali, anche in presenza di piccole ferite, se non si adottano le necessarie misure di disinfezione, le ferite possono infettarsi, gonfiarsi e infiammarsi. Inoltre, le applicazioni eseguite in modo errato da un non specialista possono non dare il risultato atteso e la direzione della crescita dei capelli può essere diversa. Per questo motivo, potrebbe essere necessario sottoporsi nuovamente a un intervento di trapianto di capelli.

I capelli trapiantati hanno un aspetto naturale dopo il trapianto di capelli?

Grazie all’intervento di trapianto di capelli eseguito da un medico e dalla sua équipe esperti in trapianto di capelli, i capelli appena cresciuti hanno un aspetto naturale. Se si determina l’attaccatura giusta e si pianta il numero corretto di semi di follicoli piliferi, il processo di trapianto di capelli sarà del tutto naturale e permanente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.